Vai al contenuto

Istantanea n.25-26-27

[25]

*****

Erano trascorsi altri cinque giorni da quella serata danzante e il tempo aveva ripreso il consueto andirivieni noioso e privo di dilettevoli passatempi. Invéro, l’aristocrazia reale di Dresda poteva trovare sollievo in molti nobili svaghi, ma per la dama italiana, invece, erano solo una implacabile tortura. Un tempo li adorava, come divinizzava il ruolo che in quel momento sembrava andarle stretto, talmente tanto, da toglierle il respiro. Che cosa fosse cambiato nel suo modo di porsi alla vita le era ignaro, tuttavia, le era chiaro, che una tale apatia l’avrebbe condotta presto fuori da quelle mura dorate.
Scendere è più facile che salire, le ripeteva sua madre, tra una lezione e un discorso diretto e, quel ricordo, le fu assai più limpido quando vide la governante capo guardarla torva, mentre bisbigliava con la principessa.
Oh, no! Pensò soltanto, con una fitta al cuore.

*****

[26]

*****

«Quando si incontra una simile bellezza, spostare lo sguardo è quasi impossibile!» sentì dire alle sue spalle. Non le serviva voltarsi per sapere a chi appartenesse quella voce perché, nonostante fossero state poche le occasioni per udirla, essa era impressa nella sua mente come un marchio a fuoco.
«Vostra Grazia!», lo riverenziò prima di seguitare, «pensavo foste partito.»
«Non ancora», sorrise non potendolo evitare, «ma hanno trovato ogni sorta di impedimento.»
«Impedimento?» ricalcò, non comprendendone il significato e pensando fosse una imprecisione.
«Sì», confermò cauto, «per ostacolare il mio desiderio di essere altrove.»
Chiara deglutì a vuoto e tornò a guardare le due donne oltre il cespuglio di rose. Gli occhi di entrambe erano puntati su di sé, riusciva a percepire il biasimo sfiorarle la pelle e la preoccupazione per un allontanamento invaderle nuovamente il petto. Quella prospettiva annientò in un istante, tutto il piacevole turbamento causato dall’uomo al suo fianco.
«Devo tornare da Sua Altezza» fiatò con urgenza.
«Ora?» la replica suonò quasi lamentosa.
«Devo», precisò guardandolo fugacemente negli occhi e, senza dargli tempo di dire o fare qualcosa di avventato, si congedò, lasciandosi alle spalle una buona parte di sé.

*****

[27]

*****

I timori di Chiara quel pomeriggio avevano trovato riscontro e, quella stessa sera, si era scoperta a trattenere il fiato per non dare modo al nodo di amarezza fermo in gola, di tramutarsi in pianto.
Aveva sostenuto con le gran dame, a testa alta e con voce ferma, il completo disinteresse, garantendo per sé e per il suo nome.
Non avrebbe compromesso il suo ruolo per una infatuazione senza futuro. Non avrebbe ceduto alle di lui lusinghe, per quanto meritevoli di attenzioni e quindi, sì, avrebbe fatto ogni cosa in suo potere per non errare. Tutti i buoni propositi e le ragioni che sostenevano la sua decisione però, non riuscivano a lenire quel senso di vessazione che le comprimeva il petto e, per quanto tentasse di alleviarla osservando le stelle, essa era talmente prorompente da incrinarle la postura.
Se solo qualcuno le avesse dedicato un minimo d’attenzione, si sarebbe accorto all’istante di quanto fosse avvinta dalle apprensioni.

*****

Buon inizio settimana e alla prossima!

3 Comments »

  1. Le malelingue hanno iniziato a diffondersi e Chiara deve stare attenta. Il suo ruolo è molto importante per la sua famiglia e non può perdere questo compito ma i sentimenti sono impossibili da arginare. Come farà?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: