Vai al contenuto

Istantanea n. 98-99-100

Buon inizio settimana!

[98]

«Non lo so» soffiò con reale afflizione, mostrando appieno tutta la propria incertezza.

«Francesco», riprese la cognata eliminando per un momento il riguardo, ma lasciando parlare l’affetto che la legava a entrambi, «è una decisione importante. Cambieranno molte cose se proseguirete con tale decisione.»

«Ne sono consapevole ma, avevate ragione, forse dovrei parlarne con lei, prima di gridare al mondo quanto sia disposto a perdere pur di averla nel giusto.»

«Concordo» annuì la donna prima di abbozzare un sorriso.

«Perché state sorridendo?» le chiese dubbioso.

«Perdonatemi», sorrise ancora con gentilezza, «la verità è che ero talmente abituata a vedervi disinteressato alle nobili che vi ruotavano intorno, che non credevo possibile di assistere alla vostra resa.»

«Chiara è diversa da ogni altra donna» precisò con sicurezza.

«Ne sono convinta», chiarì, «ma ora dove comprendere se andare fino in fondo e agire.»

L’uomo annuì, mentre pensava al da farsi.

*****

[99]

I movimenti del duca all’interno del proprio studio erano inquieti. Continuava a misurarne il perimetro con lunghe falcata, fermandosi di tanto in tanto solo in prossimità della finestra, per aprirla e respirare un po’ d’aria fresca. Gli sembrava che l’ossigeno si fosse rarefatto rendendogli difficile il compito di riempire i polmoni. Non provava una tale ansia dai tempi in cui era visto dai fratelli come il principe usurpatore. Con un gesto lento la richiuse e andò a sedersi su una delle due poltrone dinanzi al camino, strofinando i palmi umidi sulle cosce al fine di scaricare la tensione. Aveva trascorso l’intera giornata a riflettere sui pro e i contro della propria decisione e, finalmente, era pronto a fare il grande passo. L’avrebbe sposata e avrebbe affrontato le conseguenze di tale unione ma, prima di iniziare a festeggiare, doveva parlare con lei e chiederle cosa desiderasse.

L’idea che potesse rifiutarlo lo stava realmente torturando.

Guardò la porta con apprensione ma, della giovane dama, neanche l’ombra.

*****

[100]

Rimase con lo sguardo fisso sul legno per alcuni attimi prima di ricominciare a muoversi. Sapeva che sarebbe arrivata, ma l’attesa non lo stava aiutando anzi, stava semplicemente aumentando la di lui agitazione. Preda dell’angoscia allentò i bottoni che tenevano chiusi il colletto della camicia e riprese a respirare con più facilità. Inspirò a pieni polmoni un paio di volte per calmarsi e, proprio in quel momento, udì tre colpi alla porta.

Quasi di corsa andò ad aprire e il sollievo misto all’inquietudine che provò nel vederle il volto fu tanto grande da cancellare ogni pensiero. D’istinto le sorrise afferrandole le mani per trascinarla all’interno.

«Cosa succede?», domandò con apprensione, «Sua Altezza è stata strana tutto il giorno e mi ha detto di venire da voi.»

«Devo parlarvi» ammise, invitandola con un cenno a sedersi.

Il tono che usò l’uomo fu talmente tanto serio, da indurla a temere il peggio.

Forse, rivelare la verità alla reggente, era stata una pessima mossa.

*****

 

Alla prossima!

2 Comments »

  1. Francesco Saverio è ben deciso a continuare per la sua via ma trema al pensiero di cosa penserà Chiara della sua proposta. Mi chiedo cosa succederà in seguito. Francesco vuole avere Chiara in modo onorevole ma quali saranno le conseguenze?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: