Vai al contenuto

Il Borbone brillante

Carissimi history Lovers, buon pomeriggio!

In occasione del duecentosessantasettesimo anniversario dalla nascita di Gabriele di Borbone (figlio di Carlo e Maria Amalia <3), ecco due paroline su questo giovinotto. Buona lettura!   

«Gabriel Antonio Francisco Javier Juan Nepomuceno José Serafin Pascual Salvador, conosciuto dai più come Gabriele di Borbone – Spagna, nacque a Portici il 12 maggio del 1752 e morì a
San Lorenzo de El Escorial il 23 novembre del 1788. Figlio dell’allora re di Napoli e di Sicilia Carlo Sebastiano di Borbone e di Maria Amalia Wettin, Gabriele fu inizialmente un principe napoletano per diritto di nascita e, dopo il trasferimento del padre in Spagna con il titolo di re, egli divenne un Infante di Spagna per lo stesso motivo. Ebbe un’infanzia abbastanza tranquilla. Come accadeva ai giovani rampolli con il suo stile, la sua istruzione fu superficiale, in quanto gran parte del tempo era dedicato alla caccia e agli svaghi consoni al suo Casato, tuttavia, ben presto dimostrò una intelligenza superiore a quella dei fratelli e un desiderio e una capacità nell’apprendimento notevole che gli valse diverse soddisfazioni personali. Per merito o colpa di un volere superiore sposò l’Infanta del Portogallo Maria Anna Vittoria di Braganza (Figlia dei mie carissimi Maria e Pietro. Non vedo l’ora che l’editing del libro su Maria sia finito per farvi leggere anche la loro storia :-D) Il matrimonio tra Gabriele e Maria Anna fu breve ma intenso. La coppia ebbe tre figli di cui solo uno raggiunse l’età adulta.»

Ok, direi di avervi detto abbastanza, ora, andiamo a scoprire cosa si celava nel suo nobile animo.

*****

“Siete insostenibili!” esasperò Maria Giuseppina chiudendo il libro con un colpo deciso. Le era chiaro ormai, che per quella sera non avrebbe letto più un rigo.
Maria Luisa scoppiò a ridere senza potersi trattenere. Vedere Carlo burlarsi del piccolo Gabriele era piacevole, ma ancor più lo era osservare le espressioni buffe del piccolo che non scorgeva l’ironia del maggiore. La falsa collera della sorella poi, era gradevolmente ilare. Osservare tutti i di lei sforzi, nati con il solo scopo di guidare i fratelli sulla via del regale decoro, era ammirevole.
“Gabriele, non lasciare che Sua Altezza ti provochi”, gli consigliò Maria Luisa cercando di tornare seria, “egli si diletta a tormentarti, fai in modo che non ci riesca.”
“Non lo tormento”, si giustificò il principe prendendo posto su un divanetto, “lo fortifico.”
“Ci sono i tutori per quello” replicò il bambino, nove anni appena, poi si volse a guardare la festeggiata e ammise: “mi dispiace non essere venuto prima. Felice compleanno!”
“Grazie, Gabriele.”

Estratto dal futuro Carlo III di Spagna

*****

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.
Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: