Vai al contenuto

La prima esecuzione di Salem

Carissimo/a history lover, buon momento!

In occasione del trecentoventisettesimo anniversario dall’impiccagione della prima strega di Salem, ho deciso di spendere due righe su questo argomento.

Nell’immaginario collettivo le Streghe di Salem hanno un ruolo di tutto rispetto, seppur confuso, quindi, ecco in breve cosa accadde.
Salem, ridente colonia inglese fondata sulla costa Atlantica nel 1626, era chiamata Salem Village e la sua esistenza era basata sulla pesca e gli scambi commerciali.

Cartina Salem

Dopo il 1630, invece, a seguito di una crescente immigrazione proveniente sempre dall’Inghilterra, il villaggio fu affiancato, verso l’entroterra, da una vera e propria città chiamata: Salem Town, la quale era abitata da uomini e donne di fede che avevano come unico scopo vivere in completa rettitudine e rispetto reciproco.
Le due Salem riuscirono non solo a coesistere, ma si integrarono l’una con l’altra in modo quasi esemplare, palesando una perfetta fusione tra religione e commercio.
Passarono gli anni e le due Salem finirono per divenire un centro unico con le stesse idee. Tutto andava bene, finché, sul finire del 1691, non iniziarono i primi problemi.
Per onor di cronaca è bene precisare che, nel XVII secolo, l’Inghilterra fosse ancora vittima di un Credo fervente, il quale, suggeriva che il Maligno fosse sempre presente e che con le sue cattive influenze fosse in agguato e pronto a corrompere l’anima delle fanciulle più deboli.
Indi per cui…, quando alla fine del 1691, gli abitanti puritani di Salem scoprirono delle fanciulle impegnate nel predire il proprio futuro, mostrando anche atteggiamenti irascibili e non in linea con la calma da loro ostentata, decisero che il Maligno fosse giunto in città e che avesse corrotto le giovani.
Da quel momento ci fu il delirio. L’impegno collettivo fu quello di trovare le Streghe. Catturarono circa 200 abitanti, tra cui Bridget Bishopp, la quale fu accusata e ritenuta colpevole di stregoneria.
Bridget Bishopp fu la prima vittima di quella caccia alle streghe e fu fatta salire sul patibolo e impiccata il 10 giugno 1692.

#Curiosità
La Bishopp non fu la prima ad essere arrestata, ma fu la prima ad essere uccisa. Le accuse mosse contro di lei erano: praticava la Magia nera, aveva ucciso il secondo marito e aveva sedotto le giovani fanciulle spingendole al male. Al momento dell’esecuzione aveva 60 anni.
#Curiosità 1
Furono catturati circa 200 abitanti della comunità. 144 furono processati. 54 furono torturati e 19 furono mandati al patibolo.
#Curiosità 2
Il luogo dell’esecuzione è chiamato Witches’ Hill (la collina delle streghe)

M O M E N T O S E R I E T A’

La caccia alle streghe, così come l’Inquisizione spagnola e medievale (quest’ultima è anche la caccia alle streghe), è una macchia sul genere umano che non può essere cancellata. L’essere umano sbaglia, è risaputo, tuttavia non dobbiamo dimenticare che: “Errare è umano e perseverare è diabolico”.

Più di una volta mi è stato chiesto perché io abbia scelto la Storia, visto che non è l’argomento più gettonato e che ci sono già divulgatori famosi che la trattano.
A coloro che mi hanno posto la domanda ho sempre risposto la stessa cosa: Per non dimenticare.

La vita va avanti a una velocità strepitosa, spesso non ci rendiamo conto di quanto tempo sia passato fino a quando non ci prendiamo un momento per riflettere. Parlo di Storia, perché è per merito o colpa del nostro passato se abbiamo il nostro presente, quindi, va ricordata.

Non ho alcuna presunzione su quello che faccio, ma ringrazio chi mi segue, legge e condivide i miei articoli, perché significa che sono apprezzati come lo è il modo e la mia intenzione.

Concludo chiedendo: Tu cosa ne pensi?

*****

Se hai trovato l’articolo interessante condividilo con chi può essere interessato oppure lascia un commento, sarò felice di leggerlo.

Mi sembra di averti detto tutto, quindi, alla prossima!

Immagine presa dal web tratta dalla serie tv Salem

10 Comments »

  1. Bellissimo articolo. Fatto come sempre in maniera chiara e piacevole per il lettore, nonostante l’argomento sia tremendo. La storia deve essere ricordata. Purtroppo a scuola viene percepita come un peso, forse a causa del metodo con cui viene spiegata. Io le cose che dici me le ricordo e ti ringrazio per questo.

    Piace a 2 people

    • Grazie Gracchio e sono contenta che le cose scritte ti rimangano in mente😊. Penso anche io che la storia a scuola venga percepita male per via della freddezza con cui vengono raccontati gli eventi. Le date e i numeri perdono di significato se non vengono accompagnati dalle emozioni. Capisco anche che sia difficile farlo.

      Piace a 1 persona

  2. La persecuzione del diverso e la diffusione della paura intrisa di superstizione sono elementi che hanno accompagnato e macchiato in maniera indelebile le istituzioni ecclesiastiche; non dimenticare è necessario, perché l’ ignoranza e chi la manipola per fini di potere, sono sempre in agguato. Grazie per questo post.

    Piace a 2 people

  3. Io credo che sia importante ricordare certi errori degli esseri umani. Ma chi si crede nel giusto continua a non capire che non esiste una sola via e un solo dio. La religione continua a causare molte morti. Esistono ancora varie persecuzioni e uccisioni a causa di dogmi religiosi che milioni di persone seguono. Gli esseri umani spesso son schiavi di tali dogmi e purtroppo la storia si ripete spesso. Se guardiamo alla storia, argomento molto interessante, possiamo vedere uomini e donne con emozioni e sentimenti simili nei vari tempi. Questo causa sofferenze e dolore e morti. Si rifanno guerre, si conquistano territori e si fanno schiavi. L’essere umano forse è così e non si può cambiare nulla.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: