Vai al contenuto

L’architetto dalle linee vivaci

Carissimo/a history lover, buon momento!

È con infinita gioia che ti comunico tale notizia: Antoni Gaudí i Cornet, oggi, avrebbe compiuto 167 anni.

A U G U R I !

Era il lontano 25 giugno 1852, quando , nei pressi di Reus, si sentì il vagito del piccolo Antoni Plàcid Guillem Gaudí i Cornet. A quel tempo non si poteva immaginare il tipo di uomo che sarebbe diventato e, ancor meno, presupporre quale futuro avrebbe avuto o, se lo avrebbe avuto, vista la salute non del tutto favorevole. Tuttavia, è lecito pensare che il risultato abbia superato le aspettative.

Antoni Plàcid Guillem Gaudí i Cornet, noto solo come Gaudí, era un uomo con un talento naturale per il disegno architettonico che dimostrò, come tutti i più grandi artisti, fin dalla più giovane età. Non era particolarmente interessato allo studio, in genere, ma solo all’arte fine a se stessa, per la quale manifestò attitudine ed estro. Nel 1869 circa, si iscrisse all’università di architettura in Barcellona, ma conseguì il diploma con il massimo dei voti solo nel 1878 a causa di un fermo dovuto al servizio militare. Desideroso di migliorare il proprio stile, fece il tirocinio presso i più abili costruttori di Barcellona tra cui Josep Fontserè, Joan Martorell, Francisco de Paula del Villar y Lozano, (il primo a lavorare su quella che oggi è conosciuta come Sagrada Familia) e tanti altri. Nel corso del tempo lo stile di Gaudì subì notevoli cambiamenti fino al raggiungimento di un proprio stile che è riconoscibilissimo per le sue forme.

#Curiosità
L’infanzia di Gaudí fu segnata da diversi lutti in famiglia e, forse, è per tale ragione che dedicò tutto se stesso alla realizzazione del progetto per la Sagrada Familia.

Il nome completo de Sagrada Famiglia di Gaudí è “Basílica i Temple Expiatori de la Sagrada Família”, la cui costruzione fu iniziata da Francisco de Paula del Villar y Lozano e non ancora terminata.

Gaudí  è ricordato come uno degli artisti spagnoli più particolari, la cui arte è delineata da un genio vivace.

Se i trionfi ottenuti in età adulta l’abbiano reso felice o meno non ci è dato saperlo. La storia, come dico sempre, riporta aneddoti più o meno lieti e a noi, non ci resta altro che supporre e immaginare.

Spero ti sia piaciuto l’articolo, nel caso la risposta fosse affermativa, ricordati di lasciare un like e di condividere con chi sai essere interessato all’argomento. È anche un modo carino per sostenere me e il mio blog.

Nel malaugurato caso decidessi di seguire il blog, ricordati di confermare la mail se no niente notifiche. 

Mi sembra di averti detto tutto, quindi, alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: