Vai al contenuto

Il mio Wild West ðŸ¤ 

Carissimi History lovers, buon momento! 🤠

La scrittura del giallo-thriller storico continua ad andare come un treno…

Immagine presa dal Web

  🤠 WORK IN PROGRESS  🤠  
Estrattino

Lo sceriffo di Bodie era fermo sotto il porticato della stazione di diligenza già da diverso tempo in attesa del nuovo dottore, ma di lui non vi era alcuna traccia.
«Cosa stiamo aspettando?» domandò il becchino quando lo raggiunse.
«Io, il dannato dottore, tu non lo so» replicò senza degnarlo di uno sguardo, perché troppo impegnato a studiare i nuovi arrivati.
«Sei sicuro che dovesse arrivare oggi?»
«Sì, mi ha mandato Cain ad accoglierlo. Ha ricevuto la lettera del dottore che gli comunicava che sarebbe arrivato con questa diligenza.»
«Avete detto dottore?» sentirono chiedere alle loro spalle.
Quando i due uomini si voltarono, trovarono dinanzi a loro una donna dagli indumenti modesti e l’espressione estenuata.
«Sì», rispose Jack, «lo conoscete? È un Rush doctor, si chiama Howard.»
La donna accennò un sorriso sincero, «Temo che non vi sarà facile trovarlo, sceriffo, fintanto che cercherete un uomo.»
«In che senso?»
«Sono io il Rush doctor» spiegò, tenendo ben salda la presa sui due bauli, «Millicent Howard da Filadelfia.»
«Siete una donna» replicò sbalordito.
«Non ti sfugge niente, Jack!» si intromise l’altro uomo con fare canzonatorio. Poi tolse il capello e accennò un saluto con il capo prima di dirle, «Benvenuta a Bodie, dottoressa, io sono Richard Butler, e sono certo che andremo molto d’accordo.»
«Piacere di conoscervi, signor Butler» sorrise.
«Bene», parlò Jack ignorando volutamente le parole dell’amico, «allora direi che potete chiamare vostro marito così vi accompagno all’abitazione.» «Non sono sposata» rispose guardandolo dritto negli occhi, quasi a voler sfidare il suo sicuro pregiudizio.
«Avete viaggiato da sola?» replicò sostenendone lo sguardo e, solo in quel momento, si accorse del colore particolare delle sue iridi chiare.
«Sì.»
«Non vi hanno detto quanto sia pericoloso questo posto per una donna sola?» si rabbuiò, contrariato dalla superficialità con cui affrontavano le vicende le persone dell’est.
«Sono un dottore», riprese con rigida franchezza, «vado dove serve e so che in questo posto avete necessità di me.»
«Bodie non è adatta a una signorina» precisò lo sceriffo, prendendosi del tempo per studiarne i lineamenti del volto. Ad un primo sguardo, la forma ovale del viso gli aveva fatto credere che fosse una giovane indifesa, ma la fierezza presente nelle iridi cerulee comunicava tutt’altro messaggio.
«Sono un dottore», ripeté Millicent aumentando la stretta sulle maniglie dei bauli per scaricare la frustrazione, «preoccupatevi solo di condurmi a casa, al resto penserò da me.»
«Qui non siamo nella vostra raffinata Filadelfia, dottoressa, finirete per fuggire proprio come chi vi ha preceduto» sentenziò, con più nervoso di quanto gli fosse lecito avere, e si apprestò per toglierle un baule dalle mani per sistemarlo sul carretto, ma lei lo trattenne.
«Faccio da me» reagì dedicandogli uno sguardo tagliente e, senza alcuna difficoltà, trascinò le casse fino al mezzo di trasporto che lo sceriffo le aveva indicato. Con determinazione afferrò il primo baule per sistemarlo sul pianale, ma l’uomo la fermò ponendo una mano su quella di lei.
«Siete l’unico dottore in città, se vi doveste spezzare la schiena nessuno potrà aiutarvi.»
«Vi sembro una giovinetta delicata, sceriffo?» lo sfidò guardandolo nuovamente negli occhi. In quel momento, però, i loro volti erano talmente vicini che poté scorgere sia le pagliuzze d’argento sparse nelle iridi scure sia sentire il suo respiro caldo sulle labbra.
Per poter rispondere a quella domanda, l’uomo lasciò scivolare lo sguardo sulle sue forme generose prima di tornare a guardarla in viso. Nella sua espressione lesse una tale consapevolezza che fu capace di stordirlo, perché comprese che nella dottoressa Howard non ci fosse niente di indifeso o di delicato, ella era donna sotto tutti i punti di vista.
«No, dottoressa, sembrate in salute» sentenziò rimettendosi dritto e con il movimento del braccio la invitò a continuare, mentre un mezzo sorriso faceva capolino tra la barba nera.

Se lo desiderate potete dire come vi sembra, ma fate attenzione, sono in modalità FAR WEST   

Alla prossima!

Immagine presa dal web

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: