Vai al contenuto

L’instancabile becchino

Carissimo/a history lover, buon momento!

Eccoci al sesto appuntamento con *Lo sapevi che – Far West* 

*****

Stavo riflettendo e, alla fine, ho capito che fosse il caso di parlare anche del lavoro più antico del mondo: il becchino. 😉

Insomma, diciamo la verità, questi poveretti avevano/hanno sempre un gran da fare, ma nel Far West erano davvero impegnatissimi.

Nell’immaginario collettivo, quando si pensa al Far West non è propriamente la prima figura che viene in mente, eppure, era un elemento chiave della comunità pionieristica. (dove c’era e non solo)

Infatti…

Con il termine becchino si identifica un uomo che ha l’incarico di preparare, trasportare e seppellire i morti.

Per concludere, quindi, il becchino, anche se poco considerato, aveva nel West un lavoro molto impegnativo. Poteva essere un uomo della città o uno associato alla Legge, ma era pur sempre indipendente. 😂 (Preciso inoltre, che solitamente il becchino provvedeva al ritiro della salma, alla pulizia e alla vestizione della stessa prima del trasporto e della sepoltura.)

Tra gli attrezzi del mestiere figuravano:
Il cappello: per proteggersi dal sole e dalla pioggia. (quello nel West era un must)

Il carro: mezzo di trasporto della bara.


*****

#Curiosità
Solitamente i cadaveri venivano seppelliti nel cimitero cittadino che, di norma, era esterno alla zona abitata, tuttavia, qualora non ci fosse una zona preposta, i corpi erano seppelliti sulla strada soggetta a traffico, in modo che il passaggio dei mezzi con animali annessi, assestasse il terreno e proteggesse le salme.

Nel caso in cui ci fosse un morto al di fuori delle zone abitate, dove non operava il becchino, la sepoltura era a carico dei parenti o dei conoscenti più prossimi e avveniva in una zona isolata. A volte, per proteggere la tomba e per segnalarla, veniva costruita una recinzione in legno oltre alla croce.

In un periodo più antico, nel sud Italia, esisteva ‘o schiattamuort.
Un aneddoto risalente dall’epoca medievale in Eboli (SA), accorda a quest’uomo un compito particolare. I cadaveri, prima della sepoltura, venivano portati nella cripta della chiesa di San Francesco (anche in altre, ma io ho visitato questa) per essere bucati (schiattati) con dei ferri appuntiti, al fine di far uscire tutti i liquidi dal corpo. Da questo procedimento pese il nome la figura dello Schiattamuort (bucatore del morto) che oggi è notoriamente conosciuta come becchino o beccamorto.

Spero che l’articolo ti sia stato utile, se così fosse non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi potrebbe trovarlo interessante.
Se hai altro da aggiungere lascia un commentolo leggerò volentieri.
Alla prossima!

Immagine presa dal web

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: