Vai al contenuto

Come vento ribelle

Carissimi History Lovers, buon momento!

Oggi, voglio portare alla vostra attenzione un libro che ho appena finito di leggere dal titolo: Come vento ribelle
Autrice: Francesca Prandina
Genere: romanzo storico

Tanto per darvi un’idea:

Me ne stavo immobile sotto la pioggia, incapace di reagire. Avevo appena ucciso un uomo.
O almeno così temevo.
Lo fissavo sgomenta, ma la giubba blu che mi ero sfilata per coprirlo me lo celava agli occhi e non potevo vedere se respirava ancora né avevo voluto soffermarmi ad ascoltare il battito del suo cuore.

Trama:  Utah, 1858. Sabrina conduce una vita tranquilla con sua madre Marie e non sospetta che tutto stia per cambiare. Cresciuta separata dal padre, ufficiale dell’esercito, e dai suoi fratelli, si trova costretta a seguirli al Forte quando Marie parte per Boston per accudire la madre malata. Vivace e irrequieta, circondata da uomini in un ambiente rude e scandito da regole nuove, comincia a mettere in discussione l’educazione femminile che la madre le aveva inculcato e la relativa libertà conquistata le donerà momenti spensierati in compagnia dei suoi fratelli. Tuttavia, la guerra tra Nordisti e Sudisti giungerà presto a distruggere quel delicato equilibrio e lei, giovane e testarda, affronterà la prova più difficile: cercare di affermare il suo ruolo di donna in una società patriarcale che può soltanto condurre guerre e rinnegare la pace.

Ecco le mie considerazioni:
Partiamo dall’inizio
.

Il titolo è pertinente e racchiude in sé l’essenza del romanzo.
La cover è interessante, sia per i colori sabbiati sia per la scelta dell’immagine e la trama incuriosisce il lettore.

Ho iniziato a leggere questo romanzo, corposo ma non per questo noioso, partendo dalla prefazione dell’autore. Come dicevo in un commento precedente, preferisco leggere sempre la nota perché, se un autore ha sprecato del tempo per farla, significa che aveva le sue buone ragioni.
Indi per cui, leggetele sempre.

Il romanzo che ho letto è la versione ri-editata di un’opera prima, pubblicata con CE anni or sono.

Questo romanzo è stato un tuffo, no, un’immersione nella Guerra di Secessione americana. Ho corretto, perché l’autrice non la racconta in modo superficiale. La guerra, le criticità di una vita al forte, prima e in battaglia poi, non fanno da sfondo, loro sono parte integrante del racconto.
Fin dalle prime pagine, è chiaro che l’intenzione sia quella di raccontare il desiderio di ribellione della protagonista e gli scontri, verbali e fisici, che derivano da questo suo anticonformismo. Durante tutta la narrazione l’autrice non perde mai il focus di partenza e fa sì che Sabrina, la testarda e ribelle protagonista, affronti le conseguenze delle sue azioni. Senza sconti.
Francesca Prandina ha uno stile ponderato e rivelatore, che ha reso la lettura scorrevole e piacevole.
La caratterizzazione dei personaggi e la formula dei dialoghi sono ben fatte, ma più di tutto ho apprezzato, come dicevo all’inizio, la quotidianità storica e la disciplina che permeano il racconto. Per i maschietti che se lo stessero chiedendo, non è un romance, è uno storico con una sfumatura romantica.
 (Vorrei dire altro ma cerco sempre di evitare gli spoiler)

Ecco quanto mi è piaciuto: 👑 👑👑👑

In conclusione, posso dire che la storia di Francesca Prandina è stimolante e conduce abilmente il lettore indietro nel tempo.

Segnalazionequesto libro è adatto per coloro che amano la storia americana con una particolare cura alla Guerra Civile americana.

Per chi fosse curioso di leggerlo lo trova qui.

Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: