Vai al contenuto

I disastri nella Storia: La Grande eruzione del Vesuvio

Carissimo/a History lover, buon momento!

Il 16 ottobre 2018, nel sito archeologico di Pompei, è stata ritrovata un’iscrizione in carboncino capace di modificare la datazione della Grande eruzione del Vesuvio che distrusse Pompei, Ercolano, Stabia e Oplonti nel 79 d.C.

image
Area interessata dall’eruzione presa da Wikipedia.

La maggior parte degli studiosi, fino al 16/10/2018 per lo meno, era convinta che l’eruzione si fosse verificata in agosto, tra il 23 e il 24 (inizio e fine), del 79 d.C.  Dico la maggior parte perché, altri invece, tra cui Alberto Angela, erano già propensi a datare l’eruzione al 24 ottobre. L’opinione di Angela è leggibile nel suo libro del 2016 I tre giorni di Pompei, nel quale racconta in modo quasi reale i tre giorni della fine (Dal 23 al 25 ottobre del 79 d.C.).

La differenza di datazione credo sia da attribuire alla filosofia di ricerca. Immagino che i primi, quelli orientati alla datazione estiva, siano gli studiosi che fanno fede alla lettera che Plinio il Giovane scrisse a Tacito, la quale fissava l’eruzione al 23/24 agosto. I secondi, invece, ancor prima dell’iscrizione scoperta nel 2018, facevano fede ad alcuni ritrovamenti tipicamente autunnali quali, il calco di un ramo che fa bacche in autunno, i melograni e la presenza dei bracieri.

Ora ti starete chiedendo: ma cosa dice la nuova scritta per cambiare la data?

La verità è che l’iscrizione in carboncino ritrovata nella Regio V di Pompei (una casa all’epoca in costruzione), riporta una data, ossia il sedicesimo giorno prima delle calende di novembre, quindi, il 17 ottobre e, vista l’evanescenza del materiale usato all’epoca, (il carboncino svanisce in fretta) gli studiosi hanno stimato l’eruzione al 24 ottobre, [pensando che la data indicasse l’inizio dei lavori. ]

Il ministro Bonisoli l’anno scorso ha dichiarato: “Ci fermavamo alla datazione della lettera di Plinio che fissava l’eruzione al 23 agosto. Può darsi, che qualche amanuense nel corso del Medioevo abbia fatto una trascrizione non fedele e per tanto tempo abbiamo pensato che l’eruzione fosse stata ad agosto. Oggi con umiltà stiamo riscrivendo i libri di storia”.

citazioni

Vige ancora un’ipotesi su questa scritta che bisogna dire. Nel caso in cui essa riportasse la data stimata per la fine dei lavori e non il momento in cui è stata apposta, potrebbe variare ancora la datazione dell’eruzione. 

Comunque, ad oggi, non mi risulta che le due parti abbiano trovato un accordo sulla data esatta.
Sappiamo però l’anno esatto: 79 d.C.

Tuttavia, vorrei chiudere questo articolo con una riflessione.

Durante l’eruzione del 79 d.C. morirono migliaia di persone (circa 1500), si distrussero delle famiglie e vennero sepolte intere città.

Quindi ti chiedo: Quanto può influire nella vita di coloro che abitano sotto il Vesuvio o in zone a rischio, sapere con esattezza se sia successo ad agosto o a ottobre?

Quello che è successo non può essere cambiato, purtroppo, ma credo che si dovrebbe fare qualcosa per evitare un nuovo disastro.

#Curiosità
Oltre al Vesuvio, rimanendo in Campania, sotto la zona dei Campi Flegrei c’è un altro vulcano attivo. (per attivo si intendono quelli che hanno avuto un’attività entro i 10.000 anni)
Ma l’Italia, ha diversi vulcani attivi in zone abitate.

Le città di Ercolano, Pompei e Stabia sono state riportate alla luce (almeno all’inizio) grazie ai sovvenzionamenti di Carlo di Borbone.]

Tornando alla domanda che ti ho fatto, io ovviamente preferisco avere notizie certe, ma bisognerebbe anche vedere oltre e cercare soluzioni.

Tu cosa ne pensi?

Alla prossima!

3 Comments »

  1. Penso che, purtroppo, si rischia quello che si può definire un «disastro annunciato». Per decenni i Paesi collocati nell’area del Vesuvio sono stati interessati da fenomeni di edilizia selvaggia, spesso con la connivenza delle politiche locali…non oso immaginare cosa accadrebbe se il Vesuvio entrasse nuovamente in attività. Gli stessi piani della Protezione Civile, al momento, si concentrano ancora su un’eruzione di media entità, senza voler accettare che potrebbe essere anche più forte di quella del 79 d.C….nonostante i geologi abbiano avvertito le autorità competenti di questa possibilità.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: