Vai al contenuto

Il giro del mondo in 72 giorni

Carissimo/a History Lover, buon momento!

In occasione del centoventesimo anniversario della partenza per il primo record mondiale femminile di giro intorno al mondo, ecco un piccolo sunto dell’evento tanto per saperne qualcosina. 

Prima di parlarti dell’evento in questione, desidero presentarti la donna che compì tale viaggio da record. (ovviamente per l’epoca)

*****


Era il lontano 5 maggio 1864 quando, in una dimora di Cochran’s Mill , si sentì il vagito della piccola Elizabeth Jane Cochran. A quel tempo non si poteva presumere il tipo di donna che sarebbe diventata e, ancor meno, immaginare quale futuro avrebbe avuto ma, di certo, entrambe le incognite furono di gran lunga superate dalla realtà.

Nellie Bly

Elizabeth Jane Cochran era una donna intelligenteappassionata e tenace. Le caratteristiche personali di cui era dotata hanno fatto in modo che, nonostante non avesse terminato gli studi a causa delle ristrettezze economiche in cui versava la sua famiglia dalla morte del padre, le venisse riconosciuto il suo talento di scrittrice giornalista.

Le fu offerto un lavoro come giornalista che svolse con impegno e passione. Con il tempo scoprì di prediligere il giornalismo investigativo e a lei fu attribuita la creazione del giornalismo sotto copertura.

A distanza di anni questa giornalista viene ricordata per la sua grande capacità di non abbattersi davanti alle difficoltà (leggi curiosità) e per avere avuto diversi successi professionali, quali una carriera giornalistica di tutto rispetto e un record del mondo.

Visti i suoi riconoscimenti fu una donna felice? Chi può dirlo. La storia riporta aneddoti, più o meno positivi, ma se amasse o no la sua vita credo che rimarrà un mistero. 😀

*****

Come dicevo prima, questa donna fece un record: Il giro del mondo in 72 giorni e spiccioli.
In breve la questione era la seguente:
Ti ricordi Joseph Pulitzer [non il premio, ma l’uomo da cui il premio prende il nome]? (1847-1911)
Sì, certo che sì, bene.
Pulitzer era, tra le altre cose, un giornalista ed editore, proprietario di diverse testate giornalistiche. A un certo punto (1887), tra le sue dipendenti capitò proprio la suddetta Elisabeth. In lei rilevò subito un talento innato e, pertanto, fu propenso ad affidarle diverse inchieste di notevole importanza, che la resero popolare. Nel 1888 Pulitzer ebbe l’idea di realizzare quello che lo scrittore  Jules Verne aveva immaginato in uno dei suoi libri più famosi: Il giro del mondo in 80 giorni e, anche in quella occasione, propose a Elisabeth, conosciuta con lo pseudonimo Nellie Bly, di accettare la sfida e di realizzare il giro in meno giorni.

Il 14 novembre 1889 la giornalista partì per il suo viaggio di 40 000 chilometri e arrivò a New york il 25 gennaio 1890 dopo settantadue giorni, stabilendo un record assoluto.

#Curiosità
Lo pseudonimo o nome d’arte di Elistabeth, Nellie Bly, fu scelto dallo scopritore del tuo talento giornalistico, ovvero, il direttore del Pittsburgh Dispatch, George Madden.

Nellie Bly, liberamente ispirato a una canzone, nasce da un errore di scrittura e poi mantenuto. Il nome originale era: Nelly Bly.

George Francis Train, infastidito dal successo di Nellie, lo stesso anno riprovò (era la seconda volta) a girare il globo completando il viaggio in sessantasette giorni.

#Curiosità difficoltà
Elisabeth Jane era la tredicesima di quindici figli
e alla morte del padre, quando aveva solo sei anni, iniziò a crollare la sua situazione finanziaria.

La madre si risposò con un uomo alcolizzato e violento.

Nel 1895 si sposò con un miliardario ma, alla morte di questi, venne sommersa dai debiti e si trovò nuovamente in ristrettezze economiche.

Per superare la nuova crisi, decise di partire e di lavorare come corrispondente di guerra.

Il 27 gennaio 1922, morì di polmonite al St. Mark’s Hospital di New York.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.
Non dico altro. Alla prossima!

Immagine presa dal web

3 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: