Vai al contenuto

Coppie reali: contesto storico (Filippo ed Elisabetta)

Carissimo/a history lover, buon momento!

Ecco il primo appuntamento con la nuova rubrica:
Coppie reali🥰

Sei emozionato/a?

Spero di sì, perché si comincia. 😉

Come ti ho anticipato nei giorni scorsi, la prima coppia messa sotto la lente d’ingrandimento è quella composta da Filippo V di Spagna ed Elisabetta Farnese.

Domandona OT:
Se fossero nati ai giorni nostri sarebbero stati i Filibetti o gli Elippo?🤣😅🤔 Non l’ho mai capito. Se c’è qualche giovane in visione potrebbe cortesemente togliermi questa curiosità. Grazie.🤨

1) CONTESTO STORICO durante il loro matrimonio (1714-1746)

Come ho scritto in altre occasione, il XVIII secolo è stato definito anche con il nome Il secolo delle Guerre di Successione, questo perché ce ne furono tante. Le più note sono:
Guerra di successione spagnola (1701-1714)
Guerra di successione polacca (1733-1738)
Guerra di successione austriaca (1740-1748)
Guerra per il trono di Gran Bretagna (1714 circa – 1746)

Sicuramente, la prima cosa che ti è saltata all’occhio, è che durante il loro matrimonio l’Europa fosse sempre soggetta a guerre di potere. Come se non bastassero, la nostra coppia inseriva anche gli interessi personali, muovendo guerra a chi, in passato, gli aveva tolto dei territori. (Durante la guerra di successione spagnola la Spagna perse diversi territori in favore dei nemici) Questa non è la sede per spiegare nel dettaglio cosa persero, perché e in favore di chi, ma come saprai c’è il mio romanzo storico che ne parla.

Cosa significò per loro?🤔

Partecipare attivamente alla guerra (qualunque essa fosse) era sfiancante, perché richiedeva un dispendio economico e di vite notevole, senza contare la necessità di pianificare strategie militari capaci di ottenere buoni risultati.
Filippo partecipò attivamente (in prima persona) alla guerra di successione spagnola, negli scontri successivi si limitò a impartire gli ordini o a riportarli. 🙂

👑Politicamente:
Durante tutto il matrimonio i due non ebbero mai un attimo di pace. Erano talmente ossessionati dal riprendersi i territori persi e ottenere quelli che gli appartenevano di diritto, da non fermarsi mai a beneficiare di ciò che avevano.
Furono sempre immischiati in intrighi e tradimenti. (fatti e ricevuti)

💰Economicamente:
Durante tutto il matrimonio il regno ebbe le casse quasi sempre vuote. Mantenere una corte regale, le guardie in loco e l’esercito impegnato in campagne belliche sparse in Europa era dispendioso. (armi, uniformi, cibo ecc.) Senza contare il costo per le eventuali costruzioni residenziali e i rispettivi vizietti. (li vedremo, curiosone 😁)
Non di rado, il caro Filippo si avvalse dell’aiuto di un corsaro molto in auge a quel tempo per rimpinguare le casse, ovvero: Amaro Pargo.

💍 Sentimentalmente:
Il matrimonio fu combinato da una mente sopraffina, quella di Alberoni, e portato a buon fine grazie alle capacità interpretative di Elisabetta. Era scaltra la ragazza.😁
La coppia riuscì fin da subito a trovare una buona intesa intellettuale alimentata in gran parte dalla forte compatibilità fisica, tanto è vero, che ebbe un’intensa vita sessuale che si protrasse fino a quando fu possibile.

Il XVIII secolo fu solo segnato dalle guerre?🤔

No, molto spiccato fu anche il desiderio di conoscenza e la necessità dell’uomo di comprendere e migliorare le dinamiche socio culturali, medicali e produttive. Questo interesse al miglioramento spinse molti uomini e donne (sì, anche donne) a studiare per iniziare il cambiamento.

In che modo questo influì la coppia?🤔

Filippo V, specialmente, era in qualche modo un sostenitore della meritocrazia. Lui scelse di circondarsi con uomini di intelletto, capaci nelle loro mansioni, anche se non possedevano titoli altisonanti. (sapete che i sovrani dovevano essere circondati da Altezze reali o poco meno, vero? Persino i coppieri erano principi/esse, duchi/duchesse)
Anche Elisabetta ascoltava volentieri il parere altrui, se questi era degno di rispetto.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.
Non dico altro. Alla prossima!

4 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: