Vai al contenuto

Istantanea n. 239-240-241

Buon inizio settimana!

[239]

Vienna, 31 marzo 1765
La ventiduenne Maria Cristina d’Austria – Lorena passeggiava lungo il perimetro del salottino privato con evidente inquietudine e, quell’apprensione, non sfuggì alla imperatrice madre.
«Cosa ti turba, Maria Cristina?» domandò la donna richiudendo il libro per riporlo sul grembo.
«Niente, madre» minimizzò, senza guardarla.
«Se così fosse non staresti consumando il pavimento con il tuo incedere irrequieto. Vuoi parlarmene?»
La giovane si arrese a quella richiesta e si volse a guardarla. Erano da sole, come solevano fare ogni volta che era loro concesso, e quindi non indugiò ad ammettere il motivo del suo malessere.

[240]

Vienna, 31 marzo 1765
«Non comprendo la ragione per cui l’imperatore non ci abbia permesso di salutare il duca di Sassonia» dichiarò guardando la madre negli occhi, consapevole che quelle iridi non le avrebbero mai mentito.
«Lo sai, invece» obiettò sostenendone lo sguardo e dedicandole un sorriso benevolo.
«Tanto ha già deciso» protestò la giovane voltandosi per guardare fuori dalla finestra e ammirare distrattamente il tramonto.
«Sì, ha deciso, ma la tua predilezione nei suoi riguardi ha fatto sì che l’imperatore preferisse evitare un contatto tra voi.»
«Si sentirà molto più che rifiutato» mormorò con frustrazione, dispiaciuta più che mai che egli non si sentisse ben voluto.

[241]

Vienna, 31 marzo 1765
Dopo l’inefficace discussione con la madre e la notte scesa inesorabile sul palazzo reale, Maria Cristina era andata nella propria stanza e lì, aveva ripreso a camminare con la medesima inquietudine. Nonostante si fingesse disinteressata all’argomento amore e fiera di essere una regina sulla scacchiera dei regni, nella solitudine della propria camera non poteva fingere ciò che il cuore le urlava.
Preda dello sconforto, inusuale per lei, si passò una mano tra i capelli chiari e si fermò dinanzi alla specchiera per osservare i tratti del suo volto, i quali, era il ritratto perfetto della sua segreta insofferenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: