Vai al contenuto

Coppie reali: curiosità su Luigi

Carissimo/a History lover, buon momento!

Ecco il terzo appuntamento con la rubrica:
Coppie reali😍

Curiosi?

Spero proprio di sì. 😉

CURIOSITÀ su questi sovrani (Periodo matrimonio 1747-1765)

Oggi parliamo del marito.

Luigi Ferdinando di Borbone-Francia è ricordato, da chi ancora lo rammenta, come il principe cristiano.

Per onor di cronaca, un principe cristiano era colui che si comportava in modo morigerato e secondo i canoni della chiesa.

Durante la sua vita fu definito in diversi modi e, ognuno, rispecchiava un periodo particolare. Come dicevo prima, oggi è identificato come “principe cristiano” ma:

Durante il primo periodo di matrimonio con l’infanta Maria Teresa di Borbone-Spagna, c’era qualcuno che lo definiva impotente.

Altri, invece, che ebbero modo di conoscerlo personalmente, lo identificarono come un gran intellettuale, merito delle sue conoscenze culturali.

Si racconta, che fosse oggettivamente un ottimo Delfino e che sarebbe stato un sovrano perfetto, quello di cui la Francia aveva bisogno. Purtroppo non riuscì a salire sul trono.

Curiosità curiose!🤩

Si racconta, che Luigi riuscì a innamorarsi anche della seconda moglie al punto da condividere quasi tutto il tempo insieme.

Luigi fu tenuto lontano dagli affari politici del Regno nonostante fosse molto portato, perché il padre lo detestava a causa di un diverbio avvenuto in passato. (Accadde: Il re stava morendo e Luigi, invece di stargli lontano come gli aveva ordinato, era corso al suo capezzale. Ovviamente, Luigi XV non morì e da quel momento detestò il figlio per quella insubordinazione. Principalmente perché aveva messo in pericolo la sua vita e la discendenza al trono. A quel tempo non vi erano altri eredi del casato borbonico.)

Luigi amava la musica, ma preferiva ascoltarla piuttosto che ballare.

Non gli piacevano particolarmente i ricevimenti.

Era un amante della conversazione, infatti, come dicevo prima trascorreva molto tempo con la moglie discorrendo di ogni argomento.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto, se così fosse, non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi può essere interessato/a.
Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: