Vai al contenuto

Istantanea n. 284-285-286

Carissimi, buon momento e buona lettura!

[284]

Un lieve bussare alla porta lo costrinse a destarsi dal torpore.
«Sì?» domandò drizzandosi sulla seduta.
«Vostra Grazia, sono Jerome. C’è una lettera per voi.»
«Entrate» autorizzò chiudendo il libro.
«Chi mi scrive?» domandò mentre si avvicinava il valletto con il vassoio.
«Lo ignoro, Vostra Grazia, ma dal sigillo presumo provenga da Vienna, direi che è quello degli Asburgo-Lorena.»

[285]

Alberto scattò in piedi per raggiungere il proprio valletto personale e prendere il foglio.
Lo ammirò in ogni suo angolo alla ricerca di un indizio, ma all’esterno non vi era alcuna scritta, solo lo stemma inciso con forza nella cera lacca.

[286]

«Vai pure» autorizzò, completamente interessato alla missiva.
Il valletto annuì e uscì in silenzio, mentre il gentiluomo tornava a sedere sulla poltrona dinanzi al camino.
Con un unico gesto ruppe il sigillo e aprì la carta, fermandosi un istante di troppo sulle prime parole:
Come avete potuto andare via senza neanche un saluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: