Vai al contenuto

Istantanea: 293-294-295

Carissimi history lovers, buona lettura!

[293]

«La tua è una richiesta inopportuna» la zittì la Sacra Romana Imperatrice dopo averle lanciato uno sguardo torvo.
«Ma madre» tentò, Maria Cristina, di dare vigore alla sua protesta, ma ancora una volta fu interrotta dalla madre.
«Nessun ma, figliola, sai bene che le scelte di tuo padre sono indiscutibili, pertanto ti ordino di tacere e di non dar voce ai tuoi drammi infantili.»

[294]

«Avete ragione, ma mi avevate dato la facoltà di parlare» si giustificò con gli occhi inusualmente lucidi.
«Non essere sciocca», l’ammonì con uno sguardo ancora più duro, «erano solo parole.»
«Parole che mi avevano portata a sperare» ammise senza celare la mortificazione.
«Maria Cristina, ti ho detto di finirla con i tuoi lamenti. Ti istruita meglio di così, sei un’arciduchessa non una giovinetta qualunque, quindi, basta lacrime e parole inutili.»

[295]

Da quella accesa e infruttuosa discussione, la giovane Maria Cristina smise di supplicare. Con la forza di una guerriera, relegò i suoi sentimenti nel fondo dell’anima e, con profonda determinazione, seguitò a vivere come se nulla fosse, anzi, come se fosse felice.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: