Vai al contenuto

Medioevo: Il Mercenario

Carissimo/a history lover, buon momento!

Eccoci al ottavo appuntamento con *Lo sapevi che – Medioevo* 

*****

BREVE RIASSUNTO:
«Come ho scritto le volte precedenti e, come ben sapete, ma che ripeto per i neofiti*, il Medioevo è inteso come il periodo storico che unisce l’antichità al rinnovamento rinascimentale e viene spiegato come un periodo di luci e ombre. Luci, perché proprio in quel periodo ci furono delle interessanti invenzioni che diedero il via al Rinascimento e, in modo più chiaro, al miglioramento dello stile di vita, soprattutto dei lavoratori e dei lor Signori. (Occhiali da vista, aratro, mulino alimentato ad acqua ecc.) Ombre, perché nonostante ci fossero molte migliorie, l’ignoranza era una piaga che coglieva la maggior parte del popolo causando una miriade di altri problemi. (L’Inquisizione, le crociate, ecc.)

Inoltre, come anticipato, la società medievale grazie al ruolo dell’evangelizzazione, aveva una visione dualistica del mondo: da un lato c’era Dio e dall’altro Satana, quindi, era necessario schierarsi.

L’uomo medievale è, nella memoria collettiva, il cavaliere, il sacerdote, il crociato o il signore del castello che, dal suo rialzo, decideva le sorti di chiunque. Nello specifico avevano il ruolo di:
Prelato: uomo di Chiesa;
Cavaliere: combattente;
Lavoratoti: servitori delle prime due classi
.
(Clicca qui per leggere articolo completo)

La donna medievale è, nella memoria collettiva, la dama, la serva o la suora che, dal suo posto, subiva le decisioni degli uomini. Nello specifico era percepita come una figura debole e bisognosa di protezione.

In linea generale, la donna medievale viveva una vita monotona, costellata da impegni che si ripetevano giorno dopo giorno. Ovviamente, le dame rispetto alle serve erano meno pressate dalle incombenze fisiche, tuttavia, è bene precisare che: Le donne non dovevano avere il tempo di oziare. Nello specifico:
Castellana: donna e dama che gestiva il castello;
Suora:
donna di Chiesa;
Lavoratoti:
donne libere che hanno la necessità di lavorare.
(Clicca qui per leggere articolo completo)

Parlando individualmente delle singole categorie, ho parlato dei cavalieri, ricordando che erano uomini facenti parte della cavalleria (la cavalleria era una classe nobiliare della società medievale, che identificava i guerrieri a cavallo a cui un  signore ne aveva riconosciuto il titolo.) e che, in linea generale, avevano il compito di proteggere e servire il proprio Signore, attraverso l’arte della guerra.
(Clicca qui per leggere articolo completo)

Dei crociati.(Clicca qui per leggere articolo completo)»

Per continuare le figure dei combattenti, oggi parlo dei mercenari.

Chi era il mercenario? 🤔

Il mercenario è, nella memoria collettiva, il condottiero che combatteva solo per il mero tornaconto economico. (in realtà questa figura esiste ancora)

La storia racconta che il Mercenario avesse, quindi, come obiettivo primario: “guadagnare per vivere.”
A differenza dei Cavalieri, che erano spinti da ideali nobili e dal rispetto del proprio Signore, e dei Crociati, che erano votati al combattimento per la liberazione di Gerusalemme dagli infedeli, il Mercenario era privo di ideali e di un signore a cui essere fedele, tanto è vero, che sul campo di battaglia poteva capitare che cambiasse schieramento per un compenso più alto.

La sua figura ebbe origine nell’antichità. Nel Medioevo poi si crearono delle vere e proprie truppe chiamate compagnie di ventura. Queste truppe, formate dai  soldati di ventura (mercenari), erano guidate da un condottiero, noto anche come capitano di ventura, che si schieravano, come detto prima, in favore del Signore che gli consentiva un guadagno maggiore.

Per esempio, tra queste compagnie di mercenari c’erano i Variaghi (ex vighinghi 😁), ti ricordi? Se non lo hai letto clicca qui.

Da quello che ci è dato sapere, successivamente fu la famiglia normanna Drengot a proporsi come soldati mercenari ai principi longobardi, proseguendo di fatto, l’espansione di questa professione.

#Curiosità
Fin dalla fine del XII secolo, nell’Italia comunale, furono arruolati piccoli gruppi mercenari e dalla seconda metà del XIII secolo divenne più frequente, tanto che si autorizzò anche la pratica delle “sostituzioni”, ovvero, si sostituiva un soldato con un altro previo compenso.

Lo scrittore e filosofo Niccolò Macchiavelli fu uno dei primi a denunciare la pericolosità di questi soldati.
«Se uno tiene lo Stato fondato sulle armi mercenarie non starà mai fermo né sicuro, perché le [esse] sono disunite, ambiziose, senza disciplina, infedeli… Non hanno altro amore né altra ragione che le tenga in campo che un poco di stipendio, il quale non è sufficiente che vogliano [perché vogliano] morire per te. Vogliono ben essere tuoi soldati, mentre che tu non fai guerra; ma, come la guerra viene, vogliono o fuggirsi o andarsene.»
Cit. da L’arte della guerra

*****

Spero che l’articolo ti sia stato utile, se così fosse non dimenticare di lasciare una faccina nei commenti e di condividerlo con chi potrebbe trovarlo interessante.

Se hai altro da aggiungere lascia un commento, lo leggerò volentieri.
Alla prossima!

2 Comments »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: