Vai al contenuto

Invidia: capitolo 41

Buona lettura!

Napoli, novembre 1740
Si guardarono reciprocamente negli occhi per un lungo momento. Un tempo che parve infinito e fin troppo invadente, tanto è vero che lei si sentì stordita.
«Cosa c’è?» si finse infastidita da quella insistenza e da quel messaggio silente che le era arrivato forte e chiaro fino nelle viscere.
«Sei felice?»
Katrin sollevò gli occhi al cielo e rise di malandata ironia. «Definisci felice?»
«Hai capito a cosa mi riferisco,» replicò senza interrompere il contatto visivo, quasi avesse paura di perdere ogni briciolo di espressione, che era certo sarebbe stato diverso dalle sue parole. «Il Marchese ti soddisfa?»
«La Principessa lo fa?»
«Non hai risposto» accorciò impercettibilmente la distanza tra i loro volti.
L’austriaca deglutì l’emozione senza smettere di guardarlo, anzi, puntando tutta l’attenzione sulle sue labbra invitanti. «Neanche tu.»
«Devi essere sempre così testarda?»
«E tu devi essere tanto poco galante?»
«In che senso?» corrugò la fronte, confuso.
«Credi che sia sciocca, Capitano?» lo attaccò dandogli una spinta per allontanarlo. Aveva bisogno di frapporre una discreta distanza tra loro per trovare la consueta compostezza. «Ti si leggono in faccia le tue intenzioni.»
«Che sarebbero?» interrogò portandosi nuovamente dinanzi a lei.
«Vuoi baciarmi.»
«Così come tu vuoi baciare me.»
«Questa poi!» si animò di sconcerto, allontanandosi da lui.
Il vento che le sferzò il viso riuscì a mitigarle lo spirito e a raffreddarle di poco il calore iracondo che le stava albergando dentro.
«Vuoi fingerti ancora una pudica lady?» ironizzò alle sue spalle con il solo scopo di provocarla e di costringerla a voltarsi.
«Non meriti neanche una risposta.»
Non si volse, continuò a guardare la facciata dell’edificio e fu con quella azione che scoprì la principessa dietro il vetro di una finestra del piano nobile che li stava osservando. Comprese tutto e si inalberò ancora.
«Guardami» pretese l’uomo afferrandole un polso.
Lei si divincolò e replicò a denti stretti: «La tua padrona ci osserva. Vattene via.»

Alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: